Bienvenue chez Douce, Genova, France

Un locale che propone pasticceria, caffetteria, cibo, vino, birra e cocktail

a modo Douce cioé con cura nella scelta degli ingredienti, nella loro combinazione, nella presentazione e tanta attenzione nell’accoglienza del cliente.

Douce Pâtisserie Cafè è un gruppo che riunisce amici e collaboratori, dove nessuno è indispensabile ma tutti necessari.
Lo staff operativo è composto da un Maître pâtissier e dai suoi collaboratori, a cui si affiancano i barman, i cuochi e il personale di sala.

Per l’arredo, i particolari, le iniziative diverse e la comunicazione in generale lavorano anche architetti, grafici e addetti al web.

La Douce-sofia

Ci piacerebbe che Douce fosse un luogo accogliente per gli amanti della pasticceria, della cucina raffinata e dei cocktail di qualità, della buona conversazione, degli incontri interessanti o, alla francese, della vita douce: confortevole, rilassata e intrigante.

Anche salutare, però: la ricerca sugli ingredienti privilegia una ricchezza di gusti e una complessità di abbinamenti evitando l’eccesso di zucchero o glucosio e grasso animale ottenendo dolci più leggeri, ma non per questo meno gustosi.

Dolce. Stil novo.

La pasticceria non è fatta solo da torte di compleanno o vassoi di paste da portare ai pranzi in famiglia. Esistono i dolci al piatto, quelli al cucchiaio, i mignon da tè, le monoporzioni, i macaron, la confetteria, e molto altro ancora.
Esistono dolci da aperitivo, dolci da passeggio, dolci in grado di sostituire degnamente un pranzo o una cena.

Sapori e forme nuove, quindi, che si adattano ai momenti della giornata.

Così lontano, così vicino.

Per una crema pasticcera che si rispetti, la vaniglia naturale, d’origine caraibica o malgascia, è un ingrediente irrinunciabile. Così come sono inimmaginabili un tiramisù, una ganache o un qualunque dolce al cioccolato senza cacao di produzione africana o sudamericana. Accanto a questi sapori più esotici ci sono però moltissimi prodotti e coltivazioni locali che meritano di essere valorizzati o esplorati maggiormente: il chinotto, l’olio ed il basilico, finora coinvolti soprattutto nelle preparazioni salate; oppure il caffè, un aroma esotico ma ormai tipicamente italiano, degno di maggiore attenzione da parte di tutti i pasticceri nostrani.