Il diario di Douce.

Rubriche, news e riflessioni dedicate alla pasticceria, alla cucina e ad altre cose. Tutto "a modo Douce"
blogtopright

I Sensi dell’Arte in Accademia: si riparte

creato da Redazione
11/05/2012 alle 21:37
Continua la rassegna I Sensi dell'Arte in Accademia, incontri in cui, a partire da un'opera d'arte ci si tuffa in un'esperienza multisensoriale e multidisciplinare. Ecco un breve riassunto di cosa è successo nell'appuntamento del 10 maggio 2012.

I Sensi dell'Arte in Accademia

Bellissimo evento al Museo dell’Accademia Ligustica di Belle Arti a cui Douce a partecipato a modo Douce con fantasia e creatività.
Giovedì 10 maggio si è svolto il secondo appuntamento de I Sensi dell’Arte un ciclo di incontri in cui, a partire da un’opera d’arte, ci si muove con fantasia e capacità di sorprendere in una multiforme esperienza culturale, empatica appunto, come vuole il motto della rassegna (se vi ricordate ve ne avevamo parlato a settembre scorso quando si è svolto un altro ciclo di incontri).
E’ molto ben congegnata infatti l’esperienza multisensoriale e multidisciplinare: a partire da un’opera di Valerio Castello, pittore genovese del Seicento, si sono alternati brevi e profondi interventi di:

  • Elisabetta Tonizzi docente di storia all’Università di Genova, che ha delineato gli orrori della peste a cui il pittore è riuscito a scampare;
  • Giulio Sommariva conservatore del museo dell’Accademia Ligustica, che ha introdotto alla capacità innovativa e controcorrente per la cultura dell’epoca del pittore spiegandoci come lui
    “frantumi i volumi e li trasformi in forme evanescenti, rese con una materia vibrante, percorsa da sottili rivoli di luce”…
  • Roberto Bardelli Sommelier e storico del vino, che ha trovato un appiglio alla storia in un vino Gavi doc;
  • Ilaria Orazzini giovane storica dell’arte con l’aiuto di apposite schede preparate da Mariella Carossino (a sua volta esperta di alimentazione nell’arte e professoressa di storia dell’arte) ha spiegato i retroscena storico-culturali delle scelte del menù;
  • Matteo Manzitti maestro d’orchestra e compositore che ha coinvolto l’udito suggerendo un ascolto “seduti dentro di sé lasciandosi interpellare da una musica antica, immaginando di essere persone del seicento”.

La vista è stata deliziata dalla scenografia di Pietro Paroletti (Scenografo, artista e ebanista) che ha creato un’atmosfera ad un tempo surreale e casalinga, intima ed evocativa con carta da pacchi e lumi vari.
Il gusto è stato, ovviamente, solleticato dalle creazioni di Michel e del suo team.

No slides are available.

I Sensi dell’Arte sono ideati da Enrico Paroletti e fanno parte della Campagna Vivi il Museo realizzata dall’Associazione Amici dell’Accademia Ligustica Onlus per la valorizzazione e promozione del Museo dell’Accademia Ligustica.
I Pass d’ingresso dell’evento sono in distribuzione da Douce Pâtisserie-Cafè in Piazza Matteotti 84r da Lunedì al Venerdì dalle 15.30 alle 19 e al Museo Dell’Accademia Ligustica, dal martedì al venerdì dalle 14.30 alle 18. La donazione minima è di 15 Euro per l’ingresso singolo e 85 Euro per i sei appuntamenti ancora in programmazione (per i giovani sotto i 26 anni la donazione minima è di 12 Euro per l’ingresso singolo e 65 Euro il pacchetto).